Microcredito: nuove disposizioni della Banca d'Italia

 
 
 
Banca d'Italia
 
 

11/06/2015 Banca d’Italia ha pubblicato il Provvedimento del 3 giugno 2015 recante le nuove disposizioni per l’iscrizione e la gestione dell’elenco degli operatori di microcredito. Il provvedimento è volto a dare attuazione all’articolo 15 del Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 17 ottobre 2014, n. 176, e alla disciplina dettata dall’articolo 111 del decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, (Testo Unico Bancario – TUB). Con queste disposizioni si completa il quadro normativo volto a promuovere l’attività di microcredito in Italia, al momento limitata a pochi operatori, allargando la schiera di soggetti che possono erogare finanziamenti anche agli enti no profit. Questi ultimi infatti, senza necessità di essere iscritti nell'elenco degli operatori del microcredito, possono erogare finanziamenti alle persone fisiche che si trovino in condizioni di particolare vulnerabilità economica o sociale, purché siano in possesso dei requisiti di onorabilità e degli altri requisiti formali e sostanziali richiesti dalla legge (tra cui forma giuridica, ammontare di capitale versato, oggetto sociale specifico e presentazione di un programma di attività). I tassi ai quali i finanziamenti possono essere concessi devono essere tali da consentire il mero recupero delle spese sostenute dal creditore e non, dunque, a remunerare l'attività di finanziamento svolta. 

Consulta il Provvedimento

 

TAGS: FinanzaMicrocreditoLeggi e Normative