Sluseholmen a Copenhagen

 
 
 
sluseholmen
 
Credit: archdaily.com

 

 

Sluseholmen è un importante progetto di riqualificazione del Porto fluviale Sud di Copenhagen in cui la residenza ha svolto un ruolo fondamentale nel cambiamento della natura del luogo.
La trasformazione dell'area, iniziata nel 2004, è stata completata nel 2008. L'intervento comprende 1.350 alloggi realizzati su otto isole artificiali separate da canali. Su ogni isola è presente un complesso residenziale con altezza variabile da 4 a 7 piani. Gli edifici si affacciano direttamente sui canali, mentre ponti e pontili permettono il contatto diretto con l’acqua.
Questi vivaci blocchi residenziali, dall’aspetto molto diverso tra loro, sono il risultato della cooperazione tra l’architetto olandese Sjoerd Soeters e lo studio danese Arkitema con la Città e il Porto di Copenhagen, che, per assicurare un paesaggio urbano a scala umana, hanno chiesto a circa 20 studi diversi di progettare gli edifici tenendo conto di alcune prescrizioni in merito alla definizione di materiali, colori, altezze e proporzioni.
Il piano a scala urbana definisce un impianto planivolumetrico preciso ed allo stesso tempo consente una grande varietà e diversità di soluzioni con il risultato che ogni edificio ha un proprio carattere individuale e distintivo.
Gli spazi aperti sono costituiti sia dagli stretti canali costeggiati dai relativi percorsi ciclopedonali, sia dalle estese aree verdi presenti all’interno delle ampie corti quadrangolari. Questi spazi per il relax e lo svago sono fondamentali per lo sviluppo di relazioni sociali tra i residenti e consentono l'organizzazione di attività collaborative, come ad esempio la cura del giardino e dei piccoli orti.
Le corti aperte presentano un leggero dislivello tra la quota dei percorsi pedonali e quella delle aree verdi, che permette la creazione di sedute informali nei punti in cui si aprono degli spazi pavimentati più ampi.
Gli alloggi presenti al piano terra sono protetti da zone filtro semi-private, elementi di transizione tra l'abitare privato e quello condiviso.

 

 

TAGS: HousingEsteroResidenza