House Project Feltre, la storia di un piccolo grande gestore sociale di alloggi in affitto a canone agevolato

 
 
 
House Project Feltre 
 

I fabbricati vengono costruiti negli anni '70 - '80 da Modesto e Annamaria, che realizzano 12 appartamenti e due negozi. Inizialmente riescono a creare un ambiente molto bello e armonioso per le persone che ci abitano, ma nel corso degli anni quanto costruito va a decadere, sia dal punto di vista abitativo che umano.
Dopo la morte dei genitori, le due sorelle decidono di portare avanti il progetto, con la volontà di ricostruire ciò che era stato lasciato andare, per fare “qualcosa di bello”: di comune accordo investono i risparmi lasciati dai loro genitori per ristrutturare ogni appartamento. Si tratta di due palazzine di 8 e 5 alloggi e 2 spazi commerciali.


Nel 2015 Roberta, una delle due sorelle, si prende l'incarico di scegliere i futuri inquilini degli appartamenti pubblicizzando l'offerta tramite la rete web.  Molte le chiamate e concordemente ai familiari viene deciso di abbassare il canone mensile: House Project Feltre deve essere una cosa bella per gli altri e non un business per pochi eletti! Tanti i giovani, senza un lavoro fisso, ma con tanta voglia di uscire di casa e di iniziare una nuova vita. Decidono quindi di aprire le porte degli appartamenti dando e chiedendo fiducia: nessun proprietario di immobili affitterebbe nulla a un giovane se non ha un lavoro fisso e/o tante referenze.
House Project Feltre lo fa con un contratto di locazione a canone agevolato, un appartamento spartano ma arredato con gusto, e al giovane in cambio si chiede l’impegno di corrispondere l'affitto concordato. Si innesca così un circolo economico virtuoso dove anche il giovane è stimolato a darsi da fare e a impegnarsi: aumenta la voglia di riscattarsi e di avere una vita propria indipendente dalla famiglia di origine. Fino ad oggi nessun affitto insoluto! Miracolo della fiducia reciproca.
House Project Feltre si configura sempre più come un trampolino di lancio per i giovani verso la stabilità economica e di vita. Gli spazi della condivisione sono soprattutto all'esterno, dove si progettano un gazebo e un orto comune. Iniziano anche i primi eventi formativi.


Il progetto non ha ricevuto nessun contributo esterno, reggendosi in piedi solo grazie agli investimenti delle due sorelle, che hanno in mente di proseguire attraverso la creazione di una Casa Vacanze immersa nella natura del Parco nazionale delle Dolomiti, sempre in affitto a prezzi agevolati.
House Project Feltre cerca contributi per terminare la ristrutturazione e ampliare l’offerta abitativa!
Per ulteriori informazioni vai alla pagina faceboock: House Project Feltre

 

 

TAGS: GiovaniCittàHousingResidenzaImpresa SocialeValore SocialeConvivialità