Carré lumière a Bordeaux: un esempio di architettura che si adatta…

 
 
 
Carre lumiere
 
 

Lan Architecture (Local Architecture Network) ha recentemente completato un complesso residenziale a Bègles, un suburbio di Bordeaux, nel sud est della Francia.
Gli appartamenti sono stati commissionati da Ataraxia, una società di gestione immobiliare che ha demolito delle torri inutilizzate per far posto a un progetto urbano condotto dal governo locale e supervisionato da SAEMCIB (Société Anonyme d’Economie Mixte de Construction Immobilière de Bègles).
L’intervento è formato da 79 appartamenti modulari ed è caratterizzato da aperture quadrate e rettangolari poste ritmicamente su facciate interamente rivestite con pannelli bianchi dal carattere industriale. 
Il disegno degli alloggi ruota attorno al concetto che il bisogno di privacy dell’abitante debba avere il giusto mix con il piacere della socialità. Ognuno può utilizzare a piacimento il proprio spazio aperto: come frangivento, una serra o anche come unità di raffreddamento. L’adattabilità si basa sul fatto che ad ogni appartamento si possono aggiungere o togliere stanze in relazione alle diverse esigenze dei residenti. Il progetto mira infatti a consentire alle persone di vivere in un posto che può evolvere con loro: ogni alloggio può cambiare il proprio giardino d’inverno per uno spazio interno al fine di aumentare la propria superficie abitabile.
Bègles è stato costruito al costo di 1.000€ al mq, un costo al di sotto del prezzo di mercato della regione in cui si trova, per mantenere un rapporto equo nei canoni d’affitto. Questo risultato è stato possibile grazie al lavoro di razionalizzazione, controllo e gestione del budget per un progetto anche architettonicamente sobrio.

 

TAGS: ArchitetturaHousingEsteroResidenza